La Costola dei Barbari

(Associazione)

Info utente

Descrizione:

L’associazione

La Costola dei Barbari è un’associazione senza scopo di lucro che ha la sua sede a Trieste, nella relativa provincia. Lo scopo dell’associazione è di promuovere una forma di aggregazione tra i giovani e i meno giovani attraverso il gioco di relazione, il cosiddetto Gioco di Ruolo. I giochi di ruolo nel corso degli anni hanno abbracciato quasi tutti i generi letterari e cinematografici, dalla fantascienza, al giallo, all’horror. In confronto alle altre tipologie di gioco, la vera innovazione del gioco di ruolo è l’uso dell’immaginazione come “campo di azione” ma con precise e a volte complesse regole di gioco.

Inoltre, gli interessi dell’associazione sono diventati molteplici, come i wargames, gioco da tavolo strategico che ricrea battaglie e combattimenti e i Giochi di ruolo dal vivo ovvero una forma di gioco di ruolo in cui i partecipanti impersonano personaggi rappresentando le situazioni del gioco nella realtà fisica nel modo più verosimile possibile, utilizzando abbigliamento, attrezzi e armi, scenografie adatte alla parte.

L’Associazione si costituisce ufficialmente il 5 Aprile 2017 con relativo ATTO COSTITUTIVO e STATUTO

I Primi Avventurieri

Il primo party con i soci fondatori ed i primi accoliti, eccoli qui con una loro mini presentazione.

Giovanni: mago umano, sempre e comunque, anche se la classe e razza non ci sono nel gioco di turno. Ha cominciato a giocare a D&D masterizzando la scatola rossa (si, è decisamente vecchio) e nostalgicamente è ancora li ad accarezzare il rugginofago. Di lui si narra abbia una woodgrain box nascosta da qualche parte ma questa rimane una leggenda perché nessuno l’ha mai vista…. Per la Costola dei Barbari si occupa di fare cose, vedere gente, oltre a vestire la tunica di presidente.

Alessandro: giocatore di ruolo per caso e, per qualche strana conseguenza, per caso gioco. Dopo una ventina d’anni di avventure in giro per vari mondi ed epoche, in team ad uno sparuto ma eroico gruppo di mercenari, mi capita di incontrare uno strano tipo (forse un elfo?!?) che parla di eventi, leghe e mondi ancor più vasti. Senza capirne realmente il senso mi lascio, come mia abitudine, trasportare ed entusiasmare dalle nuove idee! Alla fine… alla fine… alla fine? Il bello dei gdr è che non c’è realmente una fine, un inizio… c’è solo l’adesso. Quindi sono pronto a iniziare una nuova avventura! Adesso!

Stefano: inizia a giocare eoni fa a GiRSA (e chi lo conosce, sa), e ciononostante, non abbandona il ruoleggio, ma arriva a D&D 5 passando per RolemasterAD&D, D&D 3.5 e Pathfinder, alternando gioco, masterizzazione, e birrette. Imbarcatosi in questa nuova avventura al traino dell’entusiasmo altrui, assume nell’associazione il ruolo di segretario. In realtà, più che altro, delega con successo.

Luca: 16 anni fa un amico mi chiede se voglio giocare ad un nuovo gioco, e così inizia la mia prima avventura di D&D, con un ranger di nome Xartas. Dopo di lui ci son stati un mago di nome Xartas, un monaco, un chierico, uno stregone, un guerriero, un ladro ecc… Tutti di nome Xartas! A parte la mia scarsa fantasia nella scelta del nome del personaggio, motivo per cui probabilmente i miei amici mi fanno sempre masterizzare, con d&d è stato amore a prima vista. Rimasto fedele attraverso le edizioni advanced, 3, 3.5, con una veloce infatuazione per rolemaster, approdo alla V edizione e conosco Giovanni, Stefano, Maurizio e Alessandro. Si gioca…poco, si beve…troppo e si ride tanto…poi qualcosa si rompe, gli equilibri cambiano, diventiamo seri e decidiamo di fare la league (bugia, non siamo seri). Ci diciamo: facciamo un evento e vediamo come va…beh il resto lo sapete ?

Matteo: La mia passione per il gioco di ruolo non fù un fulmine a ciel sereno o un amore a prima vista, ma una relazione faticata nel tempo che pian piano ha saputo appassionarmi ed esaltarmi. Un mondo magico che ha permesso alla mia (distorta) fantasia di venire a galla e svilupparsi nelle più disparate direzioni. Anche se patito soprattutto del genere fantasy, mi piace mettermi alla ricerca di nuovi mondi e nuove ambientazioni che sappiano farmi volare in rotte ancora inesplorate. Così come un pianeta, tanto è più grande, tanto più attrae a se le proprie lune, così l’entusiasmo dei Barbari mi ha preso e trasportato a loro con una rapidità ed un intensità che neanche Newton riuscirebbe a calcolare. Personaggi seriosi e responsabili? Li lascio a casa!

Lorenzo: Nato e cresciuto con mmorpg e gdr online, solo negli ultimi anni mi sono dedicato ai giochi da tavolo e di ruolo. Ho sempre letto molto e forse questo è il punto di contatto che più fa apprezzare la cultura fantasy e fantascientifica; spaziando dagli autori più classici a quelli più contemporanei, siano essi Tolkien, Asimov o Adams, l’universo che vediamo assume tinte più colorate e la becera quotidianità sfuma in sfaccettate possibilità. Nelle mie sedute di gdr bisogna divertirsi ed immedesimarsi, da ciò il mio credo: mai ruolare a stomaco vuoto, ma sempre presenti banchetti propiziatori! Odio le ingiustizie ed esalto la possanza,difendendo i bisognosi dalle malignità del mondo: indovinate un po’ il mio prototipo di personaggio? For Honor and Justice! Nome in codice: Faffnir. Ma per voi sono Faffo!

Jacopo: fin dalla giovine età, la predisposizione per il fantasy è presente nel mio DNA. Dalla prima lettura del Signore degli Anelli e le continue gite alla biblioteca scolastica/comunale per recuperare tutti i Librigame possibili. Fino ad una fatidica giornata, ad un ricreatorio comunale in cui venne chiesto ad un manipolo di ragazzi se volevano provare a giocare a D&D. Guerriero durato meno di 4 ore. Nonostante la sua ingloriosa fine ormai ero diventato un giocatore di ruolo. Da quel fatidico giorno ci sono state varie edizioni di D&D, giochi basati sul d20 System o sul D100 System e non vi elenco tutti i giochi da tavolo provati. Spaziando quindi tra giochi di ruolo, da tavolo o videogiochi, categorizzarmi come nerd è il minimo! Il nick utilizzato è Gandojambo, per voi anche solo Jambo!

Leandro: da D&D 3.5 alla Next, da Pathfinder a Dark Heresy, da Wfrp a Prehysteria, da Mouseguard a Stars without Number, i diversi GDR sono stati un interesse fin dall’inizio, complice anche per alcuni anni il flagello di molti giocatori di ruolo: la mancanza di cavie… ehm, giocatori. Ma grazie a molti fantastici compagni di viaggio molte sessioni e molte avventure sono passate ed ora questo stesso spirito e ottimi compagni di GDR animano la Costola dei Barbari. Credo che siano questo e la mia aspirazione di imparare da sessione a sessione ad avermi “condannato” ad essere impegnato in mille diverse campagne, ognuna egualmente divertente… Ma del tempo per giocare si trova sempre!

Giulio: ho scoperto il gioco di ruolo all’età di sette anni, nei ricreatori comunali di Trieste, e da quella estate è diventata una costante presente sinora in ogni fase della mia vita. Ricordo ancora adesso per filo e per segno la mia prima sessione. La storia inizia con D&D 2.5: la scatola introduttiva, il più bel regalo che San Niccolò poteva portare (una sorta di Babbo Natale di noi Triestini; conservo ancora la letterina a qualche parte, tralasciamo su come era stato scritto “D&D”…). A ripensare alla mia carriera ruolistica, mi accorgo di come la socialità sia sempre stato un elemento fittamente intessuto assieme al gioco di ruolo: è attraverso lo stesso che ho conosciuto la quasi totalità dei miei gruppi di amici, sono state anche le storie che abbiamo vissuto assieme a rafforzare le nostre amicizie. Socialità che mi ha portato a conoscere i Barbari e venir catturato nel loro sincero entusiasmo. In un epoca come questa in cui le consuetudini della vita tendono a renderci sempre più distanti, un gioco sociale come può essere il gioco di ruolo è ancora più prezioso. Dalle storie da bambini all’approccio più maturo e interpretativo, forse più vicino al teatro, posso tracciare un’evoluzione come giocatore che mi ha portato man mano a addentrarmi sempre più nei personaggi delle storie, a desiderare di portarli in vita, ad abbattere il confine tra giocatore e personaggio o se non altro a renderlo opaco. Le vicissitudini mi hanno riportato “dall’altra parte del tavolo”, a tenere in mano le fila del gioco, dove cerco di portare avanti una ricerca del nuovo e del diverso, quasi sperimentale. Perché no, con una punta di “dark” e “noir”, che mai non guasta ? In onore delle due grandi campagne che porto nel cuore mi firmerò Iovilios o Michele, a seconda di che personaggio sarà più affine al momento!

Marco: non toccatemi il Ranger!… Lo so, nell’immaginario comune è trattato come un guerriero effeminato o un ladro scarso o un druido fermo al primo livello, ma non toccatemi il Ranger! E’ un po’ il mediano del GDR, quello che lavora come tutti gli altri ma mai verrà ricordato: rischia la vita da solo a scoutare per tutto il party e quando torna a riferire importanti informazioni da usare in combattimento, una pacca sulla spalla e un “lascia andare avanti i grandi”. In realtà può combattere in corpo a corpo, a distanza, usare magie, muoversi silenziosamente; non esiste un personaggio altrettanto versatile. E’ vero – tutte queste cose le fa male rispetto ad un ladro, un guerriero o un mago, direte voi ma nessuno le può fare tutte insieme. Per ironia della sorte non vince nemmeno il premio di consolazione: sotto di lui il bardo si becca la dose di simpatia e compassione che naturalmente emanano gli ultimi (se poi sono carismatici e cantano bene non c’è speranza). Al povero Ranger, eterno penultimo, rimane la gloria di chi ha fatto la sua parte. Sono Marco “Twink”: sono stato Mago, Guerriero, Ladro, Druido, Stregone, Barbaro, Monaco, Paladino (mai bardo!) ma il mio primo amore è solo il Ranger <3

Ambra: -Anno1: quella che vedete nella foto sono io che gioco a Colossal Cave Adventure su uno Spectrum ZX: sono nata spacciata. -Anno 6: il mio primo gioco fantasy è stato “Eye of the Beholder” il tutto a causa di mio padre. Ed è andata avanti così tra mia mamma che ci chiamava per la cena e noi che già a quel tempo “non potevamo mettere in pausa”. A 16 anni è nata Caranel – fui ragazza madre ma solo di un alter ego di D&D. Caranel è Ladro o Monaco, non ci sono altri personaggi né tantomeno nomi. Ci sarà sempre e solo Caranel. Come mi vedo in futuro? Insieme ad altri arzilli vecchietti a cacciare draghi con Caranel fino alla fine! Ambra “Caranel”

Giulia: ho scoperto l’esistenza di D&D nell’estate del primo anno di scuola superiore: per puro caso ho assistito ad una strana partita a 2, con un master ed un solo giocatore caotico malvagio. Ammetto che all’inizio non mi hanno fatto un’ottima impressione, anzi, sembravano alquanto “particolari”. Ma poi, nei giorni successivi, qualcosa è scattato: ho scoperto “il Signore degli Anelli” e ho chiesto a quel master se potevo fare una partita di prova. Da quel momento lui è stato il mio unico master per molti anni. Certo, poi ce ne sono stati altri, ma il primo master non si dimentica mai! Ed è stato divertentissimo averlo per la prima volta al mio fianco come giocatore (finalmente dalla stessa parte della barricata!) durante la prima Adventurers League di maggio. I miei personaggi, quasi sempre di nome GilEstel, non si perdono in chiacchere, sono sconsiderati e si lanciano nelle situazioni più pericolose senza pensare prima alle possibili conseguenze: se vedete un chierico in prima linea, al 99% si tratta della sottoscritta! Di riflesso, nella Costola dei Barbari, sono l’esatto opposto: mi occupo principalmente dell’organizzazione degli eventi e controllo che tutto proceda come stabilito – io stessa mi sono auto-nominata “Occhio di Sauron” per farvi capire quanto riesco ad essere opprimente con i malcapitati Barbari.






Siamo spiacenti, devi aver effettuato il login se vuoi contattare un altro utente.
Se hai già le tue credenziali Accedi oppure Registrati

Dungeons & Dragons 5

D&D Epic – Chaos in the City of Splendors!
(English text below) La Costola dei Barbari a.p…
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 30 Ott 2018 Posizione: Città Fiera, Via Antonio Bardelli, Martignacco, Province of Udine, Italy
Tipo utente: associazione
Dungeons & Dragons 5

D&D Adventurers League – Greenest in flames!
Ritorna l’appuntamento mensile dell’Ad…
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 31 Ago 2018 Posizione: Via Eugenio Scomparini, 7, Trieste, Province of Trieste, Italy
Tipo utente: associazione
Dungeon & Dragons, Dungeons & Dragons 5, Ultima Forsan, vari

Epica giornata di giochi con i Barbari
AVVENTURIERI! Il momento è giunto! Ancora u…
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 9 Lug 2018 Posizione: Via Borgo Grotta Gigante 6, Trieste
Tipo utente: associazione
vari
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 27 Mag 2018 Posizione: Strada di Fiume, 477, Trieste, TS, Italia
Tipo utente: associazione
Primi Re

Playtest “PRIMI RE” – Anteprima Nazionale @NAONISCON
I Barbari sono lieti di invitarvi a playtestare, p…
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 7 Mag 2018 Posizione: Pordenone - Fiera, Pordenone, PN, Italia
Tipo utente: associazione
Avventure nella Terra di Mezzo

La Riconquista di Moria – Avventure nella Terra di Mezzo #multitavolo @NAONISCON
L’anno è il 2989 della Terza Era, quasi cinquan…
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 7 Mag 2018 Posizione: Pordenone - Fiera, Pordenone, PN, Italia
Tipo utente: associazione
Nameless Land

Nameless Land – Trinity Land #multitavolo @NAONISCON
America centrale, o quel che ne resta: tre piccoli…
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 7 Mag 2018 Posizione: Pordenone - Fiera, Pordenone, PN, Italia
Tipo utente: associazione
Dungeon & Dragons, Dungeons & Dragons 5

Call for Master – Adventurers League Trieste – 26 Maggio
Avventurieri, ma soprattutto… Master! Come …
Pubblicato da La Costola dei Barbari il 7 Mag 2018 Posizione: Trieste, TS, Italia
Tipo utente: associazione